banner 5x1000 1 di 5

Apicoltura: percorsi per l’inclusione socio-lavorativa

Categorie carcere: 

di Luciano Martucci/

Il 30 novembre è terminato il corso di addetto al settore apistico, a cui hanno partecipato cinque detenuti, attuato dalla cooperativa CEFAL (Consorzio Europeo di Formazione e Addestramento al Lavoro), su concessione del Fondo Sociale Europeo, Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, Regione Emilia-Romagna e Provincia di Bologna.
I detenuti sono stati impegnati tutto il mese per un totale di 50 ore guidati dall'insegnante Alessandro Mengoli della cooperativa Sociale Anima.

Crisi economica e lavoro per i detenuti

Categorie carcere: 

di Rachdi Otmane/

In carcere ci si ritrova ovviamente per saldare il debito giuridico nei confronti dei cittadini e soprattutto della parte lesa. Quindi questo dovrebbe essere il punto di partenza per ciascuno di noi nel riconoscere la gravità del danno materiale e morale recato, in quanto ritengo che il miglioramento di una persona avvenga solo quando la stessa si comincia a porre delle domande ben definite: perché ho infranto la legge e quali sono le cause, le ragioni?

Crisi economica e lavoro per i detenuti

Categorie carcere: 

di Rachdi Otmane/

In carcere ci si ritrova ovviamente per saldare il debito giuridico nei confronti dei cittadini e soprattutto della parte lesa. Quindi questo dovrebbe essere il punto di partenza per ciascuno di noi nel riconoscere la gravità del danno materiale e morale recato, in quanto ritengo che il miglioramento di una persona avvenga solo quando la stessa si comincia a porre delle domande ben definite: perché ho infranto la legge e quali sono le cause, le ragioni?

terremoto/Terremotati in carcere

di Domenico Bottari/

Al carcere della Dozza, gli agenti del Penale sono stati attivi: appena è giunto il sisma, hanno aperto  le celle e, per sicurezza, quella notte hanno condotto i detenuti nel campo sportivo. Ognuno di noi ha vissuto il terremoto in modo diverso: ecco alcune dichiarazioni.

terremoto/Terremotati in carcere

di Domenico Bottari/

Al carcere della Dozza, gli agenti del Penale sono stati attivi: appena è giunto il sisma, hanno aperto  le celle e, per sicurezza, quella notte hanno condotto i detenuti nel campo sportivo. Ognuno di noi ha vissuto il terremoto in modo diverso: ecco alcune dichiarazioni.

terremoto/Operazione “Da Dentro il Cuore”

di Luciano Martucci/

I detenuti della Dozza si mobilitano per raccogliere fondi per le vittime del terremoto e per la ricostruzione e il restauro del patrimonio artistico gravemente danneggiato. “La speranza è che ci sia una rapida ripresa per l’economia di tutte le città colpite dal sisma già in precedenza colpite dalla crisi”. Questo il motivo che ha spinto Filippo T. a contribuire.

terremoto/Operazione “Da Dentro il Cuore”

di Luciano Martucci/

I detenuti della Dozza si mobilitano per raccogliere fondi per le vittime del terremoto e per la ricostruzione e il restauro del patrimonio artistico gravemente danneggiato. “La speranza è che ci sia una rapida ripresa per l’economia di tutte le città colpite dal sisma già in precedenza colpite dalla crisi”. Questo il motivo che ha spinto Filippo T. a contribuire.

Pagine

Top